In memoria del signor Spock, ovvero perché chi è razionale è sempre un alieno

Il nuovo mondo di Galatea

Eh, a me era simpatico. Più simpatico di tutto il resto dell’equipaggio. Fatta eccezione forse per Scotty, ecco. Spock, che non era dottore, veniva presentato come un Vulcaniano razionale e freddo, anche se sembrare freddo accanto a quei due isterici tendenzialmente piagnoni di Kirk e Mc Coy non sarebbe stato difficile neppure per un terrestre qualsiasi.

Il capitano ed il dottore, alle volte, parevano rappresentare il peggio dell’umanità: romantici, sgangherati, sognatori, in genere propensi a ficcarsi in qualsiasi guaio ai confini della galassia, senza un barlume di valutazione preventiva, senza un minimo di prudenza, solo mossi da un coraggio che sconfinava nell’incoscienza bruta e che faceva leva su alti ideali raccogliticci ed interpretati male. Era lui, il signor Spock, che doveva mettere poi ordine, frenarli, farli ragionare, convincerli a contare fino a dieci e non lasciarsi sopraffare da quelle vagonate di retorica e di melassa che intasavano loro il cervello…

View original post 331 altre parole

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...