A black shadow : the fall of humanity Part 1

Ormai non potevo tirarmi indietro,il mio stato mentale stava deteriorando in modo pericoloso e rapido…l’oggetto che avevo visto in sogno era qui,nelle mie mani,reale…o almeno così credevo,ma non potevo essere più sicuro di cosa fosse reale e cosa no,non dopo tutto quello che avevo visto…mi ritrovai a pensare a come tutto era iniziato,sembrava passata un’eternità,o forse sembrava proprio un’altra vita,un’altro mondo,una dimensione fantastica dove non dovevi temere per la tua vita ogni singola notte,dopo aver vissuto così a lungo in questo modo il mondo precedente sembra solo un racconto di fantasia,eppure,un tempo,quel mondo esisteva…

Potrei far finta che la cosa mi abbia procurato dolore,potrei dire che ero distrutto,inorridito,devastato…ma ormai ci sono solo io,posso smettere di mentire,posso smettere di mentire anche a me stesso,in fin dei conti sto per imbarcarmi in una missione suicida…che senso avrebbe mentire ora?

Il giorno in cui tutto iniziò,il giorno in cui le cose comparvero per la prima volta sul mondo,nessuno credeva che fosse vero…l’umanità era sempre sull’orlo della distruzione,gli atti terroristici erano aumentati in modo vertiginoso e piccole guerre tra stati scoppiavano quotidianamente in asia e africa…e il medio oriente…non voglio neanche ricordare…in questo scenario quando si sparsero le immagini e le notizie di cosa stava succedendo in India pochissimi ci credevano,si pensava fosse un falso,la solita idiozia creata dai fanatici del complotto,o persino una falsa crisi creata dal governo indiano per giustificare un’offensiva militare contro il Pakistan…  ma dopo poco più di 24 ore anche il Pakistan fu invaso…qualcosa non andava…

Per la prima settimana le notizie sulle creature erano scarse…non si vedevano,non si sentivano,agivano solo nel cuore della notte…e si spostavano con una velocità innaturale…attaccavano prima di tutto le capitali e i principali centri politici e militari,di più paesi contemporaneamente,e non era un caso…sceglievano paesi che avevano forti tensioni,sull’orlo del conflitto,gli attacchi spingevano i paesi a sospettare dei loro rivali politici,a lanciare attacchi preventivi…le creature erano furbe e conoscevano bene la natura umana,in poco più di una settimana stavano scatenando la terza guerra mondiale,la razza umana si stava decimando da sola,dovevano solo aspettare e distruggere quel poco che sarebbe rimasto…

All’epoca io ero confinato in casa.

Un piccolo incidente,un evento,una crisi…molti la chiamavano con nomi diversi…ma il risultato era lo stesso…ero stato identificato come un sociopatico iperattivo,pericoloso per me stesso e per gli altri…ed ero confinato in casa…fortuna che i manicomi erano stati chiusi…

era lì,dal buio della mia camera che vidi l’attacco che svelò al mondo una volta per tutte la natura del nemico.

Niente fù più come prima.Niente.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...