Are you a non-gamer level 2?

Più di una volta ho pensato di parlare su questo blog della web serie “Gaming wildlife”,una deliziosa serie di mokumentary(finti documentari) che analizzano le varie tipologie di videogiocatori nel loro ambiente naturale.

La serie è estremamente divertente e ben fatta,e contiene numerosi momenti capaci di far riflettere su diversi aspetti poco analizzati o del tutto mal interpretati delle infinite sotto-culture che nel corso degli anni si sono generate intorno all’hobby videoludico,ma purtroppo negli ultimi tempi il numero di puntate si è notevolmente ridotto e le poche che escono sono spesso affogate da inutili cameo o una generale mancanza di idee…ma nonostante ciò consiglio a chiunque abbia interesse o curiosità rispetto alla cultura dei videogame di vedere le vecchie puntate della serie.

Ma veniamo al vero argomento di questo post nonché analisi di una delle mie puntate preferite(forse l’ultima veramente riuscita fino ad oggi),the non gemer LV2.

L’idea ruoto intorno alla dimostrazione che il così detto non gamer(presentato in precedenza in una puntata-gag) si è evoluto nel tempo in una nuova specie,il non-games LV2,e la differenza tra i due figuri è incredibile,da un lato il non gamer è semplicemente disinteressato al mondo dei videogame,e ignora categorie e slang tipiche del settore,e non ha alcun interesse al partecipare a discussioni relative alle uscite più recenti,allo stato dell’industria,o cosa costituisca materiale di retrogaming e cosa no…ma dall’altro lato il non gamer LV 2 è sempre informato sulle ultime uscite,si getta in complesse discussioni filologiche sul perché l’industria moderna sia solo una pallida imitazione dei giorni gloriosi del NES e non perde occasione di ridicolizzare chi si proclama retrogamer ma si limita a giocare a titoli di epoca PSX…eppure lui non gioca ad alcun videogame.

Il non gamer LV2 adora mettersi al centro dell’attenzione in discussioni online,adora vedere analisi critiche di videogame indie su youtube e adora lanciarsi in articolate difese dei giochi più “Hardcore” che dovrebbero vendere molto più di quelle orribili schifezze commerciali…ma non gioca ai giochi “Hardcore” di cui adora parlare e di cui si proclama esperto,perché non ha tempo per dedicare tante ore a un gioco,e non è disposto a compra i giochi indie che tanto si diverte a difende,si lamenta sempre che la gente non supporta economicamente i piccoli sviluppatori,eppure non ha mai comprato uno di quei titoli in vita sua e non ha mai finanziato uno studio indie neanche per sbaglio…

Dunque chi è veramente il Non gamer LV2?è un soggetto che ha completamente dimenticato la differenza tra pop culture e cultura,che vuole sempre fare bella figura mostrando dovunque i suoi gusti raffinati in fatto di videogame,anche se si basano unicamente su ciò che ha letto su qualche blog o visto su qualche canale youtube “di nicchia”,perché non ha alcuna esperienza diretta,ed è sempre pronto a scatenare infiniti flame in ogni angolo del web attaccando selvaggiamente persone che invece hanno effettivamente giocato i titoli di cui lui parla continuamente e conoscono realmente lo stato dell’industria,accusandoli,in un tripudio di incoerenza e falsità,di non sapere di cosa parlano e di non essere veri “hardcore gamer”.

Ma esiste anche una seconda categoria di non gamer LVL 2,una categoria più rara e meno appariscente,formata da persone che amavano veramente il mondo dei videogame e non sono disposti ad ammettere,neanche a se stessi,che ormai,anche se contro la loro volontà,hanno completamente abbandonato quel mondo,e anche se credono di essere rimasti informati su tutto quello che avviene in questo microcosmo,in realtà sono anni che non sanno più in che direzione stia andando l’industria…loro si riempiono la libreria di Steam di giochi indie e comprano i giochi della From Software e magari se ne vantano anche con gli amici,ma in verità quei giochi su Steam rimarranno per sempre nella loro infinita lista di backlog che aumenterà mese dopo mese,specialmente durante il periodo dei saldi,ma non diminuirà mai,e la sera preferiranno sempre vedersi una qualunque schifezza in TV piuttosto che iniziare effettivamente Dark Soul perché in fin dei conti “bello é bello,bellissimo pure,ma chi ha il tempo di imparare davvero come giocarci per bene?troppo stress”…

E tu,tu se sicuro di essere ancora un Gamer,o stai lentamente scivolando nel lato oscuro,per trasformarti in una delle due tipologie di Non Gamer LV 2?e se così fosse,saresti pronto ad ammetterlo,almeno a te stesso?

5 pensieri su “Are you a non-gamer level 2?

  1. Oddea, dubbi che salgono! Comunque, no. Sono sempre stato un giocatore della domenica (letteralmente uno del weekend), poi sono passato a giocatore casual (esiste la categoria?). Mi piace un gioco? Ci gioco. È una pietra miliare del gaming? Lo gioco. È una serie? Corro al Gamestop la notte prima.
    Che gamer sono?

    • in generale ti rimando alla serie,ci sono numerosi video che analizzano meglio di come potrei fare io le varie categorie di videogiocatori,ma tieni presente che nella maggior parte dei casi un gamer non appartiene a una sola categoria,ma a diverse,anche se magari una di quelle è più spiccatamente riconoscibile dalle sue abitudini…detto ciò qualche indizio da quello che dici possiamo ricavarlo…
      hai detto che vai al game stop,e che se è una serie vai la sera prima…questo esclude alcune categorie,come il giocatore-risparmiatore,che compra solo giochi scontatissimi,di solito quando si aggirano su 5 euro,e quindi aspettano mesi,se non anni,prima di comprare un titolo in vista o di una serie particolarmente popolare…pensa che questa categoria è così attiva che il game stop vicino casa mia nel giro di due anni ha abbassato il prezzo minimo di un gioco usato da 5 euro a soli 25 cent…e fanno anche offerte come il 5×2…una volta(e un po’ me ne vergogno…)sono andato durante una di queste offerte e ho preso 35 giochi per 25 euro…soprattutto roba PC e PS2 di una certa età,però non ho saputo resistere all’offerta…
      escluderei anche la categoria Retrogaming,perché il gamestop ha solo giochi recenti,niente gamecube,niente xbox…pensa che nella mia zona ci sono due(non uno)negozi specializzati in retroagimmo che vendono ancora cartucce per NES e Atari…non c’è bisogno di dirlo,sono un cliente affezionato …
      non sei neanche un giocatore hipster,perché un vero giocatore hipster non oserebbe mai nominare gamestop,per paura di rovinare la sua reputazione…
      infine dire che sei un giocatore da console,perché al giorno d’oggi la maggior parte dei giocatori PC usano servizi come steam e GOG e comprano solo dallo store interno della piattaforma(quasi sempre a prezzi ridicoli…)io ho fatto solo per tre volte le gare dei saldi di steam…e ho 117 giochi che non ho mai avuto tempo di iniziare,tutti frutto dei bundle come quello che ti offriva tutti i giochi della serie painkiller e tutti i DLC per 3 euro…con delle offerte simili non solo non hai bisogno di recarti in un negozio,ma in due giorni di saldi hai accumulato abbastanza giochi per tutto l’anno…
      se poi vuoi misurare la tua parte hardcore dovrei avere informazioni sui singoli giochi che ha giocato nel tempo…ricorda,un vero hardcore non si riconosce ai gamescore di PSN o XBOXLIVE.e facile gonfiarli all’inverosimile giocando titoli per bambini o giochi vergognosamente brevi e facili da completare al 100%…non è l numero che conta ma la qualità dei singoli giochi…

      • aiuto…. proviamoci… uhm… Kingdom Hearts Birth by Sleep e KH2.5: final mix gli ho giocati entrambi senza troppa dificoltà in modalità eroica (facile-normale-difficile-eroia-altro). Le sparatorie Halo Reach pure le gioco non in modalità facile o normale. Questi i titoli più recenti…anche per i giochi di arei di guerra su PS2 uso la modalità difficile…
        per il resto lo ammetto… modalità “vergognosamente-facile”.

      • Il livello di difficoltà di un titolo non è più un’indice valido come era fino a qualche anno fa,da un lato perché i giochi odierni,con rare eccezioni,sono molto più facili di quelli di una volta,e anche perché un tempo (quelli vecchi come me se lo ricordano)i veri hardcoregamer giocavano in sala giochi,dove non avevi un tutorial o modalità pratica e neanche un menu o un manuale dove erano elencati i comandi…giocare a street fighter o mortal Kombat in arcade significava dover scoprire da soli le combinazioni di tasti per gli attacchi speciali(spesso tentando alla cieca)e impararle a memoria…poi considera che un tempo i giochi raramente avevano la funzione di salvataggio,uno che come me ha iniziato a giocare dagli 8 bit sa bene che un qualunque platform moderno,con salvataggio dopo ogni livello,non potrà mai essere difficile come quelli di una volta che ti costringevano a finire tutto in una seduta…io,per esempio,l’ho fatto com Super mario bros.3,megaman 2 e mario land…
        al di là di questo un’indizio me l’hai dato..hai nominato KH,e di solito i giocatori di GDR vengono considerati estremamente hardcore,perché un GDR richiede molto tempo(anche solo per vedere tutti i filmati e superare tutti i dialoghi)e molta dedizione per padroneggiare il sistema di combattimento,infatti i giochi considerati normalmente più hardcore hanno quasi sempre un forte impianto GDR,come dark soul…comunque se vuoi un po’ approfondire ti consiglio questo quiz http://theotaku.com/quizzes/view/3890/what_type_of_gamer_are_you%3F_

        se vuoi sapere il mio risultato puoi vederlo qui

        http://nerdfighters.ning.com/profile/DakenHowlett

      • Grazie!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...