my game of the year (2013)

my game of the year (2013)

è arrivato ancora quel periodo dell’anno in cui si cerca di far luce su tutti i dodici mesi passati nell’industria videoludica scannandosi inutilmente su riviste,forum e quant’altro per decidere cosa sia stato il meglio o il peggio..dopo il tracollo insensato dei VGX(che tra l’altro l’anno scorso non erano stati così terrificanti..perchè annullare quanto fatto in precedenza e ricominciare da zero con una formula ridicola),il fallimento e l’assimilazione di ulteriori software house storiche,la totale mancanza di titoli degni di questo nome sulle piattaforme next gen e il crollo dei prezzi(e del valore commerciale) dei videogame che spesso arriva a Zero(visti quanti giochi gratis ultimamente?non è perchè sono diventati improvvisamente generosi..)si potrebbe dire che c’è stato ben poco di buono in questo 2013..ma a ben vedere qualcosa si è mosso ed è per questo che vi presento il mio gioco dell’anno e il “runner-Up”(seconda scelta per gli italici convinti)
Game of the Year: The Last Door Chapter 2
adoro le avventure grafiche,adoro l’horror..non quello spicciolo dei giochi che ti piazzano un mostro X in una location random e ogni tanto ti fa bù..no,quello più sottile e psicologico,per intenderci quello che si può vedere in un silent hill 2 o eternal darkness..il primo episodio di the last door dava un’ottimo assaggio di come fosse possibile mischiare ambientazioni con fortissimi richiami a Lovecraft e Poe con una grafica in Pixel art raramente così ben utilizzata,mettendo nel mix una colonna sonora straordinaria e un paio di momenti memorabili,ma il secondo capitolo si spinge oltre in ogni senso,più ambio,più perverso,più complesso,più allucinante e perverso,un piccolo incubo che si consuma in fretta ma lascia la voglia di giocare subito il nuovo capitolo e ti lascia sensazioni che rimarranno con te molto dopo aver spento il pc..AH!ho già detto che ora è gratuito e si può giocare in flash?
Runner-up:The Wolf Among Us Episode 1:Faith
che dire?è il nuovo titolo dei creatori di the walking dead,è tratto da una delle serie vertigo di maggior successo di sempre,migliora la grafica,ha una colonna sonora fantastica,nuove sequenze action più dinamiche e scelte in grado di influire più profondamente sull’evolversi della trama..e anche questo era gratis(precisamente su XBLA per le vacanze di Natale,gran bel regalo!)

Halloween horror games 2:i have no mouth and i must scream

ed eccoci con il secondo appuntamento con la mia disamina delle gemme sconosciute dell’universo videogame horror,anche questa volta ho scelto un’avventura grafica(anche se nettemente più “classica nella presentazione e nello svolgimento rispetto a sanitarium)genere che,ormai credo sia chiaro,è tra i miei preferiti(nonostante negli utimi tempi sia quasi estinto..sigh..)il gioco in questione è un prodotto di un’epoca lontana in cui i videogame osavano sfidare la letteratura e adoperare conversioni dirette e indirette con sorprendente maestria(avete presente neuromante,l’avventura grafica?)e ci riusciva alla grande!!infatti questo gioco è l’esempio che sbatto in faccia a tutti quelli che mi dicono che oggi i giochi hanno temi maturi e belle trame,prima era impossibile..bè le avventure,testuali prima e grafiche poi,avevano una scrittura straordinari e dei dialoghi superbi molti anni prima di the last of us,mass effect e dragon age(non che non mi piacciano questi titoli,anzi,ma sentirmi dire che prima di questa generazione non c’erano giochi con una trama degna di questo nome è incredibile,e mi succede praticamente tutti i giorni..)ma sto divagando..il gioco in se è una straordinaria esperienza di horro psicologico che tratta tutti gli argomenti più scabrosi e volutamente evitati dal medium videoludico(compreso abusi fisici e psicologici..e all’epoca non si scatenò una crociata di ben pensanti come dopo la rivelazione del trailer del nuovo tomb raider,se sapete a quale scena mi riferisco..)in modo sorprendentemente sottile e al tempo stesso disturbante,praticamente dovremo prendere il controllo di diversi personaggi con background completamente diversi ma tutti accomunati da un evento particolarmente traumatico del loro passato che sono costretti a fronteggiare ancora e ancora per il divertimento di una sadica entità(il nemico principale,ma non vogli anticiparvi niente)che gode nel torturarli e li mantiene in vita per il suo personale divertimento..il gioco prevede diversi finali alternativi di cui solo uno positivo mentre tutti gli altri sono estremamente drammatici(ma a dirla tutta un pò troppo simili tra loro..)questa è un’esperienza unica per intensità e temi trattati,che vi lascerà delle interessanti riflessioni e sensazioni anche molto dopo la fine del gioco,da provare assolutamente!!

Halloween games:Sanitarium

questa volta ho deciso di fare qualcosa di diverso per halloween games visto anche che ci avviciniamo alla chiusura di questo appuntamento,e ho deciso di proporvi una videorecensione di un classico per PC secondo me ingiustamente sottovalutato,un’avventura grafica isometrica incentrata sui mondi di follia del nostro anonimo(almeno inizialmente) protagonista e la riscoperta dei traumi infantili che lo hanno lentamente portato alla follia,un gioco sottile,psicologico,inquetante e profondo che riesce a rendere giustizia al genere horror come pochi titoli(forse solo silent hill 2 e eternal darkness)assolutamente da riscoprire!

Indie games3:finding teddy

20130831-134329.jpg. Piccola avventura grafica old school in pixel art apparentemente infantile(la trama un po’ Alla Narnia prevede che la nostra impavida protagonista si ritrovi in una dimensione parallela fantasy con un’ opportuno ingresso nell’armadio della sua stanzetta per inseguire i rapitori del suo amato orsacchiotto)nasconde un gioco duro,senza aiuti a schermo e sorprendentemente dark,un must have per in fan delle avventure classiche,dei giochi oscuri e che lasciano spazio all’immaginazione. Voto4/5