Haganai: I have few friends (Boku wa Tomodachi ga Sukunai #1)

boku-wa-tomodachi-ga-sukunai-screengrab-01-e1381478919377

Haganai: I have few friends (#1)Haganai: I have few friends by Yomi Hirasaka

My rating: 4 of 5 stars

Light novel che mi ha sorpreso non poco,l’inizio di questo volume è,in modo piuttosto insolito,per metà un sogno e pre metà un’evento destinato a svolgersi in linea temporale molto dopo gli eventi narrati in questo volume(nello specifico intorno al volume 3)lasciando al lettore la possibilità di intravedere nell’introduzione tutti i personaggi principali della serie e le dinamiche che si creano tra di loro ben prima della loro introduzione nella storia(che,per diversi di loro, non avverrà neanche in questo volume…)
Per il resto il libro vuole essere ad un tempo un concentrato di riferimenti e citazioni della cultura pop nipponica moderna e in parte una commedia scolastica capace di giocare con le aspettative del pubblico abituato a questo tipo di letture sovvertendo alcuni dei luoghi comuni più frequenti nel genere e aggiungendo buone dosi di umorismo.
Da un lato abbiamo un protagonista che è intenzionalmente strutturato sulla base del protagonista di toradora!,riferimenti alla PSP,monster hunter,i volumi della serie light novel club(che,tra altro,sono scritti dallo stesso autore di questo volume…)e ai dating sim,dall’altro un perfetto setting per una serie Harem(come da tradizione in moltissime light novel)all’interno del quale,però,non si verrà a creare nessuna attrazione tra i personaggi e un’ immancabile maid,che però, in realtà, è un ragazzo che è convinto di poter mostrare a pieno la sua virilità vestendosi da cameriera(“solo un vero uomo può vestirsi da maid è rimanere virile”)il tutto mischiato con dialoghi divertenti e uno stile narrativo semplice e veloce ma pieno di citazioni e riferimenti che potrebbero sfuggire ad una prima lettura.
Nel complesso Haganai si rivela una light novel abbastanza insolita e brillante,particolarmente adatta a chi conosce bene il contesto culturale a cui si rivolge, e che riesce a sfruttare molti dei topos del genere senza risultare prevedibile e senza sapere di già visto,il che,in un genere famoso per la sua prevedibilità,è un merito notevole.

View all my reviews

Mazinger Z 1

giphy

 

Mazinger Z 1 de 3 (Mazinger Z, #1)Mazinger Z 1 de 3 by Go Nagai

My rating: 3 of 5 stars

Premesso che sono un grande fan di Go Nagai in generale e in particolare dei suoi super robot,devo ammettere di essere rimasto piuttosto sorpreso da questo volume,infatti esistono diverse versioni della serie originale di Mazinger(compresa una estremamente recente)ma questa è la versione originale,scritta prima di ogni altro robot dell’autore e prima dell’anime…
La natura di prototipo del manga è visibile sia nella diversa premessa del primo volume,che invece di mostrarci un eroe pronto a combattere le forze del male,ci mostra un ragazzo confuso,improvvisamente entrato in possesso di un potere enorme e indeciso se utilizzarlo per il bene dell’umanità o per distruggerla(dilemma morale che,una volta ottenuto un simile potere,dovrebbe effettivamente emergere,eppure questo argomento verrà raramente riutilizzato dall’autore,almeno in ambito robotico…)e soprattutto ancora incapace di utilizzare correttamente tale potere…
Anche Aphrodite,che fa la sua comparsa nella seconda metà del volume,è diversa nei dettagli dalla sua versione finale,anche se non troppo…
Nel complesso la storia del primo volume è sorprendentemente imprevedibile e unica,specialmente se paragonata all’infinita sequela di manga e anime robotici che seguiranno,ma ha alcuni problemi di ritmo e alcuni momenti troppo ingenui(come il modo istantaneo in cui Koji Kabuto viene perdonato dalle autorità pur avendo distrutto,involontariamente ma pur sempre distrutto,mezza Tokyo),ma nel complesso è una lettura piuttosto interessante per i fan del genere…

View all my reviews

L’ultimo cavaliere – Stephen King

6d97684f1552a0c4ccde926c35afd7d8

 

L'ultimo cavaliereL’ultimo cavaliere by Stephen King

My rating: 5 of 5 stars

La torre Nera è tutto,è un fantasy,è sci-fi,western,horror,post-apocalittico,è l’unica serie che può confrontarsi con la saga del multiverso di Moorcock ad armi pari,la narrazione non procede in linea retta,ma va avanti e indietro attraverso flashback e racconti ed è straripante di simbolismi e parallelismi,di profezie che anticipano cosa accadrà non solo nel proseguo del volume,ma anche nel secondo volume,ma riesce a conservare la sua imprevedibilità inserendola in un contesto in cui non si può sfuggire al destino,per quanto crudele esso sia.
I personaggi mantengono la capacità di esistere all’interno di una zona grigia dove nessuno è totalmente buono o totalmente cattivo.
Un meraviglioso inizio per una complessa ed affascinante saga,molto complicato e a tratti quasi difficile da leggere,ma in definitiva ne vale totalmente la pena.

View all my reviews

1596821e92450aa3c8e031582e4c3d9b

Video Girl Ai New Edition 4 (Video Girl Ai: Big Volume Comics Digitial Edition #4)

tumblr_m26dftg4g21qeumowo1_500

Video Girl Ai New Edition 4Video Girl Ai New Edition 4 by Masakazu Katsura

My rating: 5 of 5 stars

Il volume 4 segna una svolta fondamentale nell’evoluzione della serie,non solo troveremo la definitiva trasformazione di uno dei rapporti principali del manga,ma assisteremo all’introduzione di uno dei personaggi più importanti della serie e a uno dgli eventi più controversi e drammatici contenuti in Video Girl Ai,che lascerà uno dei personaggi principali in una condizione nettamente diversa da quella in cui si trovava nei precedenti volumi,la serie inizia a trattare tematiche più complesse e rischiose e incrementa il tasso di drammaticità,senza però perdere la presenza di momenti più leggeri e divertenti,creando un mix interessante e imprevedibile.

View all my reviews

tumblr_lrkktqtf3c1qmpg90o1_400

Il mondo del ghiaccio e del fuoco: La storia ufficiale di Westeros e del Trono di Spade

The Iron Throne from George R.R. Martin's "Game of Thrones."

Il mondo del ghiaccio e del fuoco: La storia ufficiale di Westeros e del Trono di SpadeIl mondo del ghiaccio e del fuoco: La storia ufficiale di Westeros e del Trono di Spade by George R.R. Martin

My rating: 5 of 5 stars

Molti lo hanno paragonato al Silmarillion,e in effetti questa titanica opera svolge un compito simile per il mondo delle cronache del ghiaccio e del fuoco,dimostrandosi una guida indispensabile e incredibilmente dettagliata a tutta la storia,immensa e coerente,della saga,con in più meravigliose illustrazioni.

View all my reviews

the_world_of_ice_and_fire_________by_jordigart-d84lont

Le cronache del giacchio e del fuoco : Podcast e altro materiale extra(per ingannare l’attesa di winds of winter) – PT4

grrmstoriesmhmheaderLe origini di George RR Martin : The Thousand Worlds Saga (e cosa ha in comune con a song of ice and fire)

la saga venne sviluppata nel corso di diversi anni su diverse riviste di settore,ogni storia è un racconto a sè stante,ma condivide il mondo e il lore con il resto,in pratica ha creato un mondo e ha ambientato tutte le storie all’interno di quel mondo,per rendere bene l’idea è un pò come Stephen King,tutti i romanzi che ha scritto sono in qualche modo collegati alla torre Nera,magari solo connessioni marginali,per esempio personaggi che citano frasi prese da la torre nera(come in doctor sleep e notte buia,niente stelle)a volte condividono gli stessi personaggi(come in insonnia,the stand e gli occhi del drago),in pratica sono storie separate che puoi leggere senza sapere che sono collegate in un’unica grande saga,ma se conosci la storia generale e leggi con attenzione riesci ad individuare tutte le connessioni

per approfondire il tema delle similitudini tra le due serie ecco dei video a riguardo,ci sono dagli spoiler minori riguardanti Bran e Theon,per evitare sorpresa meglio vederli dopo aver letto tutti i libri della serie
https://www.youtube.com/watch?v=TMgUI…

1)a song of ice and fire : il titolo della saga è in realtà una citazione da the armageddon rag,in cui la canzone del ghiaccio e del fuoco è uno dei segni che annuncia l’inizio dell’apocalisse,dato che il primo libro si apre con la ricomparsa degli estranei,le cose potrebbero essere collegate…
“Hobbins sang ice and fire and deliverance”

2)green dreams
senza voler scendere nel territorio spoiler,i sogni verdi saranno un pezzo importante della storia futura di Bran,ma sono mostrati a partire dal primo volume,i green dreams o greensight sono un’elemento introdotto in origine ne “i viaggi di tuf”
“for the most part their long lives are given over to abstract thought(…)to strange green dreams that neither you nor i can truly comprehend”

3)Winter is Coming

Il motto della casa Stark compare per la prima volta in “and seven times never kill aman!”

“Winter is coming,and much must be done”
4)Hive mind

una delle tematiche principali dei racconti sci-fi di Martin è la presenza di culture dotate di una mente-alveare,e lo sviluppo di intere civiltà intorno a queste creature,nelle cronache compariranno ben due razze che corrispondono a questo profilo.

“And the trees remembered,all their song and spells…”

5)Robb e Lyanna

Robb e Lyanna sono due dei nomi più comuni tra i personaggi dei racconti di Martin,in particolare,in “a song for lya”,i due protagonisti sono chiamati così,nelle cronache Lyanna Stark è al centro degli eventi che condurranno alla ribellione
di Robert Baratheon.
Il racconto rende i personaggi particolarmente simili a quelli delle cronache dal momento che le azioni di Robert sono dettate dal tentativo di salvare Lya,che ama profondamente e che gli è stata portata via

possibile spoiler (ma più una teoria)
in “a song For Lya”,quando finalmente Robert riesce a parlare con la sua amata scopre che non è stata rapita contro la sua volontà,e che anzi è felice della sua nuova vita,se il personaggio di Lyanna Stark è basato su quello di Lya,magari scopriremo in future che non è stata rapita,ma è fuggita con Rhaegar di sua volontà…

“Robb Please,join us”

Kill la Kill, Vol. 2

Kill la Kill, Vol. 2 (Kill la Kill, #2)Kill la Kill, Vol. 2 by Trigger

My rating: 3 of 5 stars

Il secondo volume dell’adattamento in forma di manga dell’anime dello studio Trigger mette ulteriormente in evidenza le peculiarità di questa produzione,per altro già evidenti nel precedente volume,la decisione di sviluppare il manga in parallelo alla serie animata e non in seguito,come normalmente accada in questi casi,comporta una serie di cambi nella trama(dovuti al fatto che l’autore stava lavorando sulla base di una versione non definitiva della stessa)e dei cambi generici,tra cui la mancanza di molti dettagli e sottotrame e la locazione di alcuni avvenimenti in frangenti temporali differenti e a volte non del tutto coerenti con l’evoluzione della trama complessiva,che nell’insieme rendono questa versione meno dettagliata e più breve,interessante per chi ha già visto la serie che così potrà andare a caccia di tutte le differenze e godere di una storia non completamenteidentica a quella che ha già completato,ma nel complesso più debole dell’originale.
Per quanto riguarda il character design,anche in questo caso il risultato è inferiore rispetto all’originale,soprattutto a causa della mancanza dell’attenzione estrema per la creazione delle espressioni facciali dei personaggi,la cosa è particolarmente evidentenel caso di Satsuki Kiryūin,che una volta privata della sua clasica espressione di feroce determinazione,sembra uasi un personaggio completamente diverso…
Nel complesso i difetti della serie sono tutto sommato relativi e non rovinano l’esperienza complessiva,ma continuo a pensare che la serie sia più facile da apprezzare dopo aver visto l’anime originale.

View all my reviews

6b90b0e5ae46e421294b08a68e5b99e7